Grazie di avere visitato il nostro sito Internet.
Questo sito è riservato ai professionisti sanitari.

Une professionnelle de santé en train de travailler

Je suis un·e professionnel·le de santé

Un patient est au téléphone

Je souhaite accéder au site "patient"

Implantologia Bone Level rivisitata

Banner_In-Kone® Implantologia Bone Level rivisitata

L’impianto In-Kone® è un impianto di tipo Bone Level. Tuttavia, sul piano biologico, il posizionamento dell’impianto è stato rivisitato affinché la spalla rugosa venga a trovarsi sotto l’osso corticale

L’obiettivo di questo posizionamento è quello di eliminare le sollecitazioni a carico della cresta ossea e ricreare un ambiente favorevole alla contrazione dei tessuti(1).

Infatti, sono i tavolati ossei perimplantari a supportare la mucosa, contribuendo al risultato estetico delle restaurazioni.

Nel sistema In-Kone, questa tecnica chirurgica è associata al profilo “a tulipano” dei componenti protesici, che mira a limitare l’ingresso di batteri potenzialmente pericolosi e all’inspessimento dei setti mucosi(2).

 

 

2 PROFILI: UNIVERSAL® E PRIMO®

L’In-Kone® UNIVERSAL ha una silhouette cilindrico-conica.

La filettatura doppia a profondità variabile è stata progettata per garantire al contempo una progressione rapida dell’avvitamento dell’impianto nell’alveolo e la stabilità primaria anche su ossa a bassa densità. La scanalatura elicoidale autoperforante consente di evitare l’uso preventivo di una fresa filettatrice.

Il profilo UNIVERSAL è consigliato in particolare in caso di impianto a carico immediato e di impianto post-estrazione.

 

In-kone® Universal vs profilo

 

 

L’In-kone® PRIMO ha una silhouette leggermente conica. Presenta una filettatura singola, a profondità regolare, che offre un avvitamento più progressivo, utile soprattutto su ossa ad alta densità. Inoltre, l’impianto è autofilettante.

Associato al protocollo di fresaggio ULTIMATE, l’In-Kone® Primo permette di controllare con precisione l’inserimento verticale del collo dell’impianto durante l’avvitamento sull’osso.

STATO DI SUPERFICIE SA²®

SA2 e 3 capsule MEB - In-Kone®

Lo stato di superficie SA2 è ottenuto tramite sabbiatura, seguita da una doppia mordenzatura.

È certificato come ultra puro dall’istituzione internazionale Clean Implant Foundation con sede a Berlino, in Germania.

 

Clean Implant - In-Kone®

 

A 3 settimane dalla posa dell’impianto su cane beagle, la cicatrizzazione ossea mostra un’osteogenesi da contatto. I bordi della filettatura dell’impianto fanno presa sulla cresta ossea del sito implantare e dei nuovi trabecoli ossei sono visibili nello spazio tra i filetti. La filettatura non è ancora totalmente riempita, ma la presenza di numerosi osteoblasti e di tessuti osteoidi indica che la formazione ossea è in corso.

 

A 12 settimane, lo spazio tra i filetti è occupato da osso di nuova formazione. È iniziato il rimodellamento: l’osso primario è sostituito da osteoni secondari, a dimostrazione di un processo di mutazione in fase avanzata.

Dott. C. Boll et al. Soft-tissue and marginal bone-adaptation on platform switched implants.with a morse cone connection: a histomorphometric study in dogs. The Intern. J. of Peiod. & Rest. Dent. (2015)

PROTOCOLLO ULTIMATE®

Kit chirurgico ULTIMATE® - In-Kone®

Le frese del protocollo chirurgico ULTIMATE sono dotate di un doppio lembo di taglio che facilita la progressione della fresa nell’osso.

Le marcature laser facilmente identificabili favoriscono la visibilità durante i movimenti in presenza di irrigazione. Le scanalature doppie elicoidali garantiscono la rimozione dei frammenti ossei durante la rotazione.

 

Frese del protocollo ULTIMATE® e kit chirurgico ULTIMATE®

 

La forma delle frese omotetica alla silhouette degli impianti In-Kone® UNIVERSAL e PRIMO riduce il gap osso-impianto e favorisce un ancoraggio primario ripartito in maniera uniforme su tutti i filetti che esercitano presa sull’osso.

 

Connessione conica a frizione

Gli impianti della gamma In-Kone sono dotati di una connessione conica a frizione.

Nell’implantologia di tipo Bone Level, i pareri sono ormai uniformi circa la superiorità di queste connessioni nel rimodellamento dei tessuti perimplantari.

Questo in virtù delle loro prestazioni in termini di ermeticità antibatterica e della capacità di bloccare i micromovimenti protesici(3).

Il rischio di infiltrazione batterica è significativamente ridotto rispetto alle connessioni “piatte” e l’integrità dello spazio biologico perimplantare è preservata al meglio.

MODELLAMENTO DELL’OSSO CORTICALE

Osso corticale - In-Kone® in sito

Spalla smussata rugosa

Oltre alla connessione tipo “cono a frizione”, la spalla dell’In-Kone® è progettata per consentire un posizionamento sottocorticale ergonomico dell’impianto.

La smussatura a 45° vuole evitare che il bordo di un filetto circolare non sia a contatto con l’osso corticale o con la giunzione corticale-trabecolare, riducendo così il rischio di concentrazione delle sollecitazioni meccaniche deleterie a questo livello(4).

La rugosità di tipo SA² della parte smussata ha l’obiettivo di favorire la guarigione e la contrazione ossea dell’impianto a livello crestale.

PROTESI IN-KONE® E INTEGRAZIONE PARODONTALE

Protesi convenzionali - In-Kone®

 

Componenti protesici convenzionali 

Il profilo parodontale stretto e “a tulipano” dei componenti protesici standard è stato concepito per curare il lato estetico delle restaurazioni a livello transmucoso.

Il rimodellamento di un giunto periferico il più spesso possibile consente di ridurre i rischi di riflessi grigiastri talvolta visibili in caso di parodonto sottile (5).

Il profilo dei componenti è omotetico a quello delle viti di guarigione (firme biologiche del profilo di emergenza) per non creare tensioni nelle fibre del tessuto connettivo o danneggiare i tessuti molli durante la posa della protesi finale.

 

Protesi non convenzionali - In-Kone®

 

Componenti protesici CAD/CAM

La soluzione CAD/CAM proposta da Global D è una soluzione aperta che consente a tutti i laboratori dotati delle attrezzature adeguate di realizzare protesi personalizzate conformi ai requisiti di tolleranza industriali della società Global D.

Rispettando una procedura di produzione specifica per la lavorazione su misura, il laboratorio s’impegna a preservare l’integrità delle interfacce protesiche In-Kone® e quindi l’integrazione parodontale delle restaurazioni impianto-protesiche.

Global D Compliance

Protesi Compliance In-Kone®

Per la realizzazione delle armature, Global D propone un servizio di assistenza esclusivo ai laboratori di protesi.

Essere un laboratorio Compliance significa poter accedere a un know-how che garantisce la conformità delle interfacce protesiche realizzate tramite software CAD/CAM sui pilastri conici standard In-kone.

 

Barra multipla - In-Kone®

Chirurgia guidata In-Kone®

 

Chirurgia guidata e kit chirurgico ULTIMATE G In-Kone®

 

La chirurgia guidata può rappresentare una tecnica meno invasiva nei casi che non richiedono il rialzo di un lembo.

In tali situazioni, è stato dimostrato che la chirurgia guidata riduce il dolore post-operatorio(6).

 

La chirurgia guidata limita la durata dell’intervento, con conseguenti vantaggi a livello di comfort.

Questa procedura è inoltre indicata per i pazienti con una storia clinica complessa.

La soluzione di chirurgia guidata proposta dal sistema In-Kone® offre un’alternativa che consente di evitare interventi difficili con postumi operatori talvolta significativi.

(1) Evaluation of load transfer characteristics of five different implants in compact bone at different load levels by finite element analysis . D. Boskaya (2004)
(1) Influence du placement juxta crestal ou sous crestal de l’implant sur le remodelage osseux - Publié le 17.01.2019. L'Information Dentaire
(2) M. Redamagni . Soft tissue stability with immediate implant and concave abutments (2009)
(3) Microleakage at the Different Implant Abutment Interface: A Systematic Review, Mishra SK (2017)
(3) The Micromechanical Behavior of Implant Abutment Connections Under a Dynamic Load Protocol. Zipprich (2018)
(4) Evaluation of load transfer characteristics of five different implants in compact bone at different load levels by finite element analysis . D. Boskaya (2004)
(5) D. Farronato Influence of the implant abutment connection on the ratio between height and thickness of tissues at the buccal zenith: a randomized controlled trial on 188 implants placed in 104 patients (2020)
(6) Fortin (2006), Arisan (2010), Nkenk (2007)